Rinnovo dell’esenzione del ticket, autocertificazione della fascia di reddito, dichiarazione di variazione del nucleo famigliare e scelta del Medico di Medicina Generale. Non fare la fila.

Tutte le operazioni si possono fare da questo sito nella sezione Sanità on line

Sono circa 400 i bolognesi che hanno scelto online il nuovo Medico di Medicina Generale, collegandosi al sito ausl.bologna.it, utilizzando il modulo elettronico disponibile nella sezione Sanità on line, o attraverso il Fascicolo Sanitario Elettronico.
E 50 quelli che, solo nei primi 4 giorni del nuovo anno, hanno rinnovato da casa l’esenzione dal ticket per disoccupazione/reddito o perché colpiti dalla crisi, utilizzando il modulo online sul sito ausl.bologna.it, sezione Sanità on line.

Numeri in costante crescita, che testimoniano un progressivo cambio di abitudini da parte dei cittadini nella relazione con i servizi amministrativi dell’Azienda Usl di Bologna. Lo scorso anno le operazioni online sono cresciute, infatti, di oltre il 50%, oltre 17 mila contro le 11 mila del 2017.

Il modulo pubblicato più recentemente per i cittadini riguarda le persone che fanno parte di un nucleo famigliare con due figli a carico, che non pagheranno più il ticket per le prime visite. Questa esenzione viene attribuita in automatico sulla base delle informazioni relative ai familiari a carico presenti sulle dichiarazioni rese disponibili dall’Agenzia delle Entrate, ma se cambia la composizione del nucleo famigliare, si può presentare una dichiarazione di variazione.

Cambio del Medico di Medicina Generale

Sono 11 i Medici di Medicina Generale dell’Azienda Usl di Bologna che dal 1° gennaio sono andati in pensione. Tutti i loro assistiti hanno già ricevuto la comunicazione con le istruzioni per scegliere il nuovo medico. Chi lo desidera, può cambiare il medico dal proprio domicilio utilizzando il modulo elettronico disponibile su questo sito nella sezione Sanità on line, il Fascicolo Sanitario Elettronico (nel caso in cui il proprio medico non fosse inserito in una medicina di gruppo o in rete), oppure attraverso gli sportelli Cup del territorio.

Rinnovo dell’esenzione ticket per disoccupazione/reddito o perché lavoratori colpiti dalla crisi

Dal 2 gennaio, i cittadini che desiderano rinnovare l’esenzione ticket per disoccupazione/reddito o in quanto lavoratori colpiti dalla crisi, possono farlo da casa, utilizzando il modulo nella sezione Sanità on line di questo sito, o potranno recarsi agli sportelli Cup del territorio.
Nel 2018 circa 15.200 cittadini hanno presentato un’autocertificazione per il riconoscimento del diritto all’esenzione del ticket sanitario per reddito/disoccupazione, e circa 2.000 perché lavoratori colpiti dalla crisi.

Autocertificazione del reddito familiare lordo fiscale:  un modulo per ogni persona

Il reddito familiare fiscale lordo
La legislazione nazionale vigente per la definizione del ticket considera il reddito del nucleo familiare fiscale lordo.

Il nucleo familiare fiscale lordo  è composto dai coniugi (non separati e anche se non sono a carico) e dai familiari a carico. Sono familiari a carico le persone a carico ai fini Irpef, per le quali spettano detrazioni per carichi di famiglia (visto che il loro reddito annuo non supera € 2.840,51).  

Sono familiari a carico: il coniuge non legalmente ed effettivamente separato (se ha un reddito inferiore a 2.840,51 euro), i figli anche naturali e/o adottati, affidati o affiliati con reddito non superiore a € 2.840,51, senza limiti di età anche se non conviventi e residenti all’estero.

Altri familiari conviventi che possono essere a carico: il coniuge legalmente ed effettivamente separato, i discendenti dei figli, i genitori e gli ascendenti prossimi, anche naturali, i genitori adottivi, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle.
Le persone, pur conviventi, che dispongono di un proprio reddito annuo che supera € 2.840,51 costituiscono, con l’eccezione del coniuge, nuclei familiari autonomi.

Le fasce di reddito  
Le fasce di reddito familiare fiscale lordo annuo, in base alle quali sono modulati i ticket da pagare, sono le seguenti:
- fascia 1 (codice RE1): fino a 36.152 euro
- fascia 2 (codice RE2): da 36.153 e 70.000 euro
- fascia 3 (codice RE3) : da 70.001 a 100.000 euro

Oltre i 100.000 euro di reddito familiare fiscale lordo annuo si paga il ticket massimo previsto (e non si deve fare alcuna autocertificazione).

L'autocertificazione
Ogni componente del nucleo familiare deve documentare il reddito familiare fiscale lordo annuo attraverso una autocertificazione.
L'autocertificazione deve essere presentata da tutte le persone non esenti totali (ad esempio, le  persone esenti per patologia sono tenute a pagare il ticket per prestazioni che non sono relative alla patologia per la quale è esente).
La presentazione dell’autocertificazione dei figli minori di coppie separate e di coppie di fatto (non coniugate) spetta al genitore che ha il figlio integralmente a carico o, nel caso in cui il figlio sia a carico di entrambi, al genitore individuato di comune accordo.
Le persone esenti totali e le persone con reddito superiore a 100.000 euro non devono  presentare l'autocertificazione: le prime non pagano alcun ticket, le seconde pagano il ticket massimo previsto.
A tutte le persone che non presentano autocertificazione -  e che sono invece  tenute a farlo in quanto non sono esenti totali e non hanno un reddito superiore a 100.000 euro – viene applicato il ticket massimo previsto.
L’autocertificazione ha validità  fino alla modifica delle condizioni di reddito familiare fiscale lordo annuo, in questo caso occorre presentare una nuova autocertificazione della propria fascia di reddito fiscale lordo annuo di appartenenza.

Dichiarazione di variazione del nucleo familiare fiscale ai fini della determinazione del diritto alla esenzione dal pagamento del ticket sulla prima visita specialistica ambulatoriale

La misura riguarda tutti i componenti delle famiglie con almeno due figli a carico. L’esenzione spetta al genitore, al coniuge e ai figli a carico purché residenti in Emilia-Romagna.
Tutti i soggetti che hanno diritto a questa esenzione presenti sull’Anagrafe regionale degli assistiti avranno un codice di esenzione (FA2) che verrà attribuito in automatico sulla base delle informazioni relative ai familiari a carico presenti sulle dichiarazioni rese disponibili dall’Agenzia delle Entrate.
É possibile verificare la presenza del codice di esenzione accedendo al proprio Fascicolo Sanitario Elettronico oppure tramite gli sportelli Aziendali abilitati.
Qualora un cittadino ritenga di avere diritto all’esenzione per una modifica nel suo nucleo familiare fiscale intervenuta successivamente rispetto a quanto risulta nel sistema, è possibile rilasciare una auto certificazione che attesti la nuova composizione del nucleo familiare fiscale. In questo caso quindi verrà assegnata l’esenzione a tutti i componenti del nucleo, come prima specificato, a partire dalla data di presentazione della dichiarazione

 

Link