Salut Over 2018

Diamo salute agli anni
  • Quando 15/11/2018 dalle 17:00 alle 18:30 (Europe/Rome / UTC100)
  • Tutte le date 15/11/2018 dalle 17:00 alle 18:30 There are 7 more occurrences.
  • Dove Bologna, Casa della Salute Navile via Domenico Svampa 8
  • Nome del contatto
  • Telefono del contatto 051 256649
  • Aggiungi un evento al calendario iCal

Svolgere regolare attività sica, alimentarsi in modo equilibrato, mangiare più  frutta  e  verdura  e  meno  cibi  che  contengono  grassi,  smettere  di  fumare e limitare l’assunzione di alcool sono obiettivi cui si deve tendere per migliorare la qualità della vita.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, l’86% dei decessi, il 77% della perdita di anni di vita in buona salute e il 75% delle spese sanitarie in Europa e in Italia sono causati da alcune patologie (malattie cardiovascolari, tumori, diabete mellito, malattie respiratorie croniche, problemi di  salute  mentale  e  disturbi  muscolo-scheletrici)  che  hanno  in  comune  fattori di rischio facilmente modicabili.


Il ciclo di incontri "Salut Over" ha come obiettivo far conoscere “pratiche” salutari quotidiane adottabili da tutti senza stravolgere le proprie abitudini.

PROGRAMMA

Giovedì 13 settembre  2018  ore 17-18,30: La prevenzione e i sani stili di vita: armi vincenti di tutte le malattie della società moderna

Un sano stile di vita e una corretta alimentazione sono i farmaci più potenti che  abbiamo  a  disposizione  per  invecchiare  in  salute,  per  abbattere  l'incidenza  di  malattie  metaboliche  e  cardiovascolari  e,  quando  non  è  possibile e impedirle,  almeno  ridurne  l'impatto  sulla  nostra  qualità  di  vita.  Il  mondo occidentale soffre e si ammala per eccesso di alimentazione e per ...sedentarietà e pigrizia!
Prof. Giulio Marchesini
Direttore SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica, Policlinico Universitario S.Orsola-Malpighi di Bologna

Giovedì 20 settembre  2018   ore 17 - 18,30: "Gli psicofarmaci: come e quando. Qualche utile informazione"

Gli psicofarmaci in generale ed alcuni in particolare (ansiolitici ed antidepressivi) sono da decenni entrati nell'uso corrente di molte famiglie e/o di singoli individui, spesso purtroppo in modo improprio attraverso l'auto prescrizione o il "passa parola". E' quindi utile a riguardo diondere le informazioni necessarie  per  prevenire  l'impiego  non corretto  o  addirittura  l'abuso  di  tali strumenti  farmacologici,  che  possono  facilmente  diventare  un  pericoloso  boomerang.
Dott. Carlo Della Gala
Specialista in Psichiatria, Responsabile della Struttura Semplice Residenza  Trattamenti Intensivi (RTI),  Azienda U.S.L. di Imola

Martedì 25 settembre  2018  ore 17 – 18,30: “Prevenzione del rischio Osteoporotico Ambientale”

Lo stile di vita svolge un ruolo determinante nel favorire il rischio di osteoporosi.  L’apporto  alimentare  di  calcio,  vitamina  D  e  altri  micronutrienti  (potassio, magnesio, vitamina C e vitamina K) non sempre risulta adeguato, e  la  scarsa  abitudine  all’attività  sica  contribuisce  ad  una  riduzione  della  massa  ossea,  incidendo  sul  rischio  di  cadute.  La  malnutrizione  proteica  determina  una  ridotta  elasticità  ossea,  mentre  una  dieta  ricca  di  sale  e  proteine  animali,  l’abuso  di  alcool  e  caè  e  l’abitudine  tabagica  possono  incrementare la perdita di calcio con le urine, incidendo sul rischio di osteoporosi. Tali fattori di rischio, correlati allo stile di vita, sono pertanto prevenibili e modicabili con un intervento comportamentale ecace,attraverso  l’informazione  e  l’educazione,  per  prevenire  e  correggere  i  comportamenti a rischio.
Dott. Nicola Villanova
Dirigente medico del Servizio di Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica del Policlinico Universitario S. Orsola-Malpighi;
Specialista in Gastroenterologia e Medicina Interna
Dott.ssa  Simona Sasdelli
Specialista in Scienza dell'Alimentazione

Giovedì 11 ottobre 2018  ore 17 – 18,30:  “Impariamo a fare la spesa: scelte quotidiane, alimentari e sociali”

Le  scelte  alimentari  quotidiane,  fondamento  della  nostra  salute,  passano attraverso  gli  scaffali  dei  supermercati  ed  i  banchi  dei  negozi,  si  devono  difendere dalle manipolazioni pubblicitarie ed imparare a districarsi tra le leggi  del  mercato.  In  un  mondo  globalizzato  dove  ogni  cosa  è  a  nostra  disposizione, fare la spesa non aatto semplice. Impariamo a difendere la nostra salute con scelte alimentari consapevoli.
Dott.ssa Raffaella Di Luzio
Responsabile  dell’ambulatorio  di  Diabetologia  e  Malattie  del  Metabolismo  
dell’Ospedale di Bentivoglio, AUSL Bologna
Sara Cataldi  - Dietista SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica, Policlinico Universitario S.Orsola-Malpighi di Bologna

Giovedì 18 ottobre  2018  ore 17 – 18,30: "Il diabete, prevenzione e cura"
La prevalenza del diabete nella nostra popolazione è in rapido e impressionante aumento, aumento legato soprattutto al nostro stile di vita caratterizzato sempre di più da una cattiva alimentazione e ad una riduzione della attività sica abituale. Il diabete, quando non è curato in modo appropriato,  può  causare  danni  importanti  alla  nostra  salute  e  peggiorare  sensibilmente la qualità della nostra vita. Il diabete però si può prevenire o almeno ritardarne  la  comparsa  di  molti  anni.  modicando  alcuni  aspetti  della  nostra vita, in particolare alcuni comportamenti dannosi. Se poi il diabete
compare, il più tardi possibile, è molto importante imparare a tenerlo sotto  controllo perché non faccia "danni" e non rovini quindi la nostra qualità di vita. Per fare questo occorre conoscere bene il "nemico" e contrastarlo con le  risorse  che  possiamo  mettere  in  campo  noi  stessi  e  con  quelle  della  Scienza Medica. Tanto della nostra salute e del nostro benessere dipende da noi stessi, impariamo quindi a dare il meglio di noi in questo senso.
Dott. Gabriele Forlani
SSD  Malattie  del  Metabolismo  e  Dietetica  Clinica,  Policlinico  Universitario  
S.Orsola-Malpighi di Bologna

Giovedì 25 ottobre  2018  ore 17 – 18,30: “Piede   Diabetico,   Prevenire   è   davvero   meglio   che  Curare!”
Posso  essere  diabetico  e  non  avere  il  piede  diabetico?  Quali  insidie  può nascondere il piede di un paziente diabetico? Un incontro volto alla conoscenza di questa importante complicanza, una delle più invalidanti e pericolose.  Tratteremo  inoltre  le  varie  aezioni  podologiche  che  possono  colpire  i  non  diabetici:  alluce  valgo,  dita  a  martello,  neuroma  di  Morton,  calli,  occhi  di  pernice,  unghie  incarnite,  micosi,  verruche,  sudorazioni  eccessive del piede, calzature, plantari... la conoscenza è davvero il primo passo nel cammino che porta alla libertà.
Dott. Luca Baccolini
SSD  Malattie  del  Metabolismo  e  Dietetica  Clinica,  Policlinico  Universitario  
S.Orsola-Malpighi di Bologna

Giovedì 8 novembre  2018  ore 17 – 18,30: “La   Prevenzione   Cardiovascolare   aggiunge   anni   alla nostra vita, aggiunge vita ai nostri anni”

“Invecchiare  è  un  privilegio  e  una  meta  della  società.  E’  anche  una  sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.” Questo è uno  dei  messaggi  proposti  dall’Organizzazione  Mondiale  della  Sanità  sul tema della salute degli anziani. Sebbene il rischio di malattie aumenti con l’età, i problemi di salute non sono una conseguenza inevitabile dell’invecchiamento  e  la  dimensione  epidemiologica  della  prevenzione  cardiovascolare nel paziente anziano è rilevante, per la prevalenza delle fasce di età geriatrica nella popolazione e per l’aumento della spettanza di vita. Studi epidemiologici hanno mostrato che la maggior parte dei fattori di rischio cardiovascolare  continua  ad  esercitare  un’inuenza  sfavorevole  anche  in  età  avanzata  e  che  il  controllo  dei  fattori  di  rischio  è  ecace  anche  nel  soggetto  anziano,  particolarmente  quando  questo  avviene  attraverso  modicazioni  dello  stile  di  vita.  Anche  l’uso  appropriato  dei  trattamenti  farmacologici,  tenendo  conto  delle  specicità  del  soggetto  anziano  (in  termini di tollerabilità, comorbilità e rischi di interazioni) è di fondamentale importanza.  Appare  quindi  fondamentale  il  ruolo  dell’educazione  del  paziente.
Dott. Giuseppe Trisolino
Specialista in Cardiologia, Medicina Interna e Geriatria

Giovedì 15 novembre  2018  ore 17 – 18,30: “Muoversi fa bene alla salute,  ma come dopo anni?”
Per muoversi dopo i 65 anni è necessario personalizzare l'attività motoria per  non  aggravare  l'eventuale  artrosi    distrettuale  (ad  esempio  di  anca,  ginocchio  ecc)  e  per  evitare  le  cadute  dovute  alla  fragilità  della  persona  conseguenti  a  varie  patologie.  Sarà  utile  utilizzare  vari  ausili  ( bastoni,  deambulatori ecc). Verranno illustrati semplici esercizi per una auto mobilizzazione da attuare insieme ad un  particolare  stile di vita attivo.
Per permettere il movimento a persone con menomazioni o disabilità (amputazioni,  mielolesioni,  esiti  di  patologie  neurologiche)  è  necessario  attuare un progetto riabilitativo ed utilizzare appropriate protesi ed ausili
Dott. Franco Monterumisi
Specialista  in  Fisioterapia  già  Direttore  dell'  U.O.C  di  Medicina  Riabilitativa  
dell'AUSL di Imola