Quartiere Santo Stefano

Poco più di 63.500, il 54% dei quali di sesso femminile, sono i residenti  del Santo Stefano. Gli ultra 75enni sono 8.271, pari a poco più del 13%, oltre il 54% dei quali risulta anagraficamente solo. Sono invece 7.213 i residenti provenienti da altri Paesi, pari all’11,4%della popolazione.

Le strutture
Attualmente  nel quartiere non sono presenti strutture sanitarie territoriali pubbliche. Tuttavia, il Poliambulatorio Mazzacorati, che ha sede nel quartiere Savena, è una struttura di riferimento per molti  dei residenti nel quartiere Santo  Stefano. Trova però collocazione nel quartiere Istituto Ortopedico Rizzoli (IOR), Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico.

Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta
Due  i  NCP  che  assicurano  l’Assistenza  Primaria:  NCP  10,  S. Stefano 1 e NCP 11, S. Stefano 2, nei quali operano complessivamente 30 MMG e 8 PLS.

Rete delle farmacie e dell’accesso ai servizi
Sono 31 le farmacie distribuite sul territorio che garantiscono l’assistenza farmaceutica; 23 di queste, offrendo il servizio CUP, concorrono a costituire il  sistema  di  accesso alle prestazioni sanitarie.

Integrazione socio-sanitaria e partecipazione
Lo sportello sociale del Quartiere e le apposite ETI e UVM garantiscono l’interrelazione con l’ambito del sociale. Nel quartiere è presente una rete di Associazioni di volontariato con molte delle quali sono attivi rapporti con i servizi del Quartiere (vai alla pagina dedicata) e dell’Azienda USL (vai alla pagina di Bologna Solidale).