Distretto socio-sanitario San Lazzaro di Savena: via alla riorganizzazione

Firmato l’accordo tra i Comuni, l’Ausl e le organizzazioni sindacali

Il 29 marzo, in occasione dell’avvio del percorso partecipato per la definizione del Piano di Zona 2018-2020, i Comuni del Distretto, il Distretto di Committenza e Garanzia San Lazzaro di Savena dell'Azienda USL di Bologna e le organizzazioni sindacali hanno firmato l’accordo sulla riorganizzazione del sistema socio-sanitario del Distretto di San Lazzaro.

Il documento, frutto dell’accordo quadro del 2016 sulla concertazione e del confronto avviato il 29 agosto 2017, prevede la conferma e l’implementazione della rete socio-sanitaria del Distretto di San Lazzaro, che vede nell’ospedale Simiani a Loiano un presidio strategico che continuerà a garantire ricoveri per patologie acute, in   lungodegenza   e   per   bisogni   sanitari   di   bassa   complessità,   dialisi   e   terapia oncologica.   Inoltre   verrà   potenziata   l’area   dell’emergenza   in   montagna, grazie all’attivazione dell’Elisoccorso notturno.

Il secondo nodo strategico è rappresentato dalle Case della Salute di San Lazzaro e Loiano, che  operano  in stretto  raccordo con  le strutture decentrate  di   Ozzano, Monterenzio, Pianoro e Monghidoro, avvicinando così ai cittadini i servizi sanitari e socio-sanitari di base e specialistici. Alla base dell’accordo, è di fondamentale importanza l’integrazione di tali servizi con quelli sociali.

Le principali novità previste nell’accordo sono: per l’ospedale Simiani, la riconversione  di 10 posti letto di lungodegenza in altrettanti posti per le cure intermedie, nonché l’implementazione dei servizi specialistici, in particolare della fisioterapia; per le Case della Salute,lo sviluppo delle attività ambulatoriali specialistiche, delle attività per la presa in carico delle patologie croniche e per le cure palliative precoci. Inoltre è prevista l’introduzione delle figure dello psicologo e dell’assistente sociale.

Per quanto riguarda le politiche socio-sanitarie e sociali, i firmatari si sono impegnati ad attuare percorsi di concertazione, in analogia con quanto fatto per la riorganizzazione del Distretto socio-sanitario, in stretto raccordo   con la programmazione del Piano di Zona triennale.

Nella foto, da sinistra:

Gabriele Minghetti (Sindaco Pianoro e PRESIDENTE UNIONE VALLI SAVENA IDICE)
Luca Lelli (Sindaco Ozzano) 
Barbara Panzacchi (Sindaco Monghidoro) 
Fausto Nadalini (CGIL San Lazzaro)
Patrizia Carpani (Sindaco Loiano) 
Domenico Tramonti (FNP CISL) 
Marina Malpensa (Assessore al welfare San Lazzaro) 
Gian Nicola Frascione (CISL confederale)
Elisabetta Vecchi (Direttore Azienda USL San Lazzaro)
Roberto Bettucchi (SPI-CGIL) 

Fonte: Comune di San Lazzaro di Savena