Conseguenze e complicanze dell'obesità infantile

pubblicato il 23/11/2018 12:16

L’obesità ha dei costi notevoli per il soggetto: costi legati alla compromissione della qualità della vita ed al malessere fisico e psicosociale, costi-opportunità legati al fatto che l’obesità limita le possibilità di realizzazione sociale e professionale delle persone obese, ma anche costi prettamente economici (per esempio quelli che il soggetto obeso sostiene direttamente per curarsi, per cercare di dimagrire, etc.).

 

  • Conseguenze sulla salute

Da subito, i bambini obesi sperimentano peggiori condizioni di salute mentale e fisica: sono comuni problemi respiratori, ipertensione, resistenza all’insulina e problemi osteo‐articolari.

 

Aumentato carico meccanico Mal di schiena e disturbi ortopedici
Apnee del sonno e disturbi respiratori
Scarsa tolleranza all'esercizio fisico
Gastrointestinali Calcolosi biliare
Steato epatite
Dislipidemie
Diabete di tipo 2
Ipertensione

Morbilità e mortalità cardiovascolare
Alterazioni cutanee  

Influenza sullo sviluppo puberale
Policistosi ovarica (femmine)
Ipogonadismo (maschi)
Compromissione della fertilità
Aumento della velocità di crescita  

Psico‐sociali
Bassa autostima
Depressione
Disturbi del comportamento alimentare
Rischio aumentato per alcune neoplasie  
Degenerazione del cervello Perdita di tessuto nelle aree addette al ragionamento più elaborato

 

  • Complicanze sociali

L’obesità è fortemente stigmatizzata, soprattutto nelle società occidentali industrializzate. Diversi studi hanno dimostrato che le persone obese subiscono discriminazioni in molti campi importanti come quello lavorativo, scolastico e sanitario.

Ad esempio, in ambito lavorativo le persone obese hanno minori probabilità di venire assunte, ricevono meno promozioni e hanno stipendi più bassi, rispetto a persone magre dotate di qualifiche simili. Simili dinamiche sono presenti anche in ambito scolastico, dove, oltre a essere oggetto di scherzi e molestie da parte dei compagni, i bambini obesi possono essere discriminati anche dagli insegnanti, tanto che si è dimostrato che i soggetti obesi hanno minori probabilità di essere ammessi all’università.

Purtroppo le conseguenze dell’obesità sul benessere mentale sembrano essere particolarmente forti nei bambini e negli adolescenti. Le indagini Health Behaviour in School‐aged Children negli anni (2001/2002; 2009/2010) hanno rilevato che nei bambini e negli adolescenti, sovrappeso e obesità sono correlati a una minore autostima, un minore benessere psicologico, una maggiore insoddisfazione circa la propria vita e una maggiore presenza di disturbi psicosomatici.

 

  • Ricadute economiche

L’obesità comporta anche dei costi per la società: costi diretti, costituiti dalle risorse spese per la diagnosi e il trattamento dell’obesità in se stessa e delle patologie ad essa correlate, e costi indiretti, dovuti alla perdita di produttività causata dalle maggiori assenze dal lavoro delle persone obese e dalla loro morte prematura.
Secondo le ultime stime dell'OMS, oggi circa il 7% del budget sanitario dei paesi europei viene speso per malattie legate all’obesità.