A scuola vaccinati

Un gesto importante, utile a tutti. Il sito della Regione Emilia-Romagna

La legge sulle vaccinazioni approvata dal Parlamento (legge 119/2017) ha esteso da 4 a 10 le vaccinazioni obbligatorie previste per l'iscrizione a scuola: tali vaccinazioni riguardano i bambini/ragazzi da 0 a 16 anni.

Finora erano obbligatorie difterite, tetano, polio ed epatite B, ora si aggiungono pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, rosolia, parotite e varicella (quest’ultima è obbligatoria solo per i nati dall’1 gennaio 2017).

Nella conversione in legge del decreto del Governo non sono più obbligatorie meningococco B e meningococco C, che saranno ora ad offerta attiva e gratuita da parte delle Aziende Usl (significa che sono le Aziende Usl a chiamare i cittadini per fare queste specifiche vaccinazioni).

Tutte le 10 vaccinazioni ora obbligatorie sono gratuite perché già inserite nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (LEA).

Cosa succede se non viene rispettato l'obbligo di vaccinazione

  • sono previste sanzioni da 100 a 500 euro
  • per i nidi e le materne (0-6 anni), inoltre, le vaccinazioni obbligatorie sono requisito per l’accesso.

A scuola vaccinati - Il sito della Regione Emilia-Romagna

Il sito www.ascuolavaccinati.it spiega tutto quello che occorre sapere sulla legge, con le risposte alle domande più frequenti (da quando viene applicata, le scuole interessate, come fare per “mettersi in regola”); è illustrato il nuovo calendario vaccinale regionale - in vigore dal primo gennaio 2017 -, sono disponibili tutte le informazioni necessarie su come e dove fare i vaccini, consultando l’elenco degli ambulatori vaccinali regionali, con i relativi indirizzi, e indicati quali certificati richiedere o presentare per l’idoneità alla frequenza.

Sul portale si possono poi scaricare i materiali informativi cartacei già a disposizione dei cittadini nelle strutture sanitarie del territorio regionale: opuscoli, locandine, manifesti.

Sempre online, medici ed esperti spiegano in alcuni video l’importanza delle vaccinazioni. Sul sito, infatti, si risponde al quesito di fondo: perché vaccinare? E lo si fa ricordando come le vaccinazioni siano tra gli strumenti più efficaci a difesa della salute: infatti, hanno consentito di debellare malattie gravissime - come il vaiolo - e di ridurre notevolmente la diffusione di patologie infettive come la pertosse o il morbillo.

Visita il sito della Regione Emilia-Romagna "A scuola vaccinati"