Coronavirus. Dal 10 marzo sospesa l'attività ambulatoriale programmata.

I cittadini sono stati avvisati tramite SMS. Garantiti alcuni percorsi e le prestazioni in urgenza. Riduzioni anche nella Libera Professione

Sono state sospese, a partire dal 10 marzo, negli ospedali e nelle strutture territoriali dell’Azienda Usl di Bologna e al Policlinico di S. Orsola-Malpighi, le visite specialistiche programmate. I cittadini che avevano in programma gli appuntamenti sono stati informati tramite un sms. Sono comunque garantite le visite e le prestazioni urgenti, oncologiche,  inserite nel Percorso nascita, i trattamenti anticoagulanti orali (TAO).

E' ridotta anche l’attività libero professionale. Al fine di contribuire a limitare gli accessi agli ospedali, numerosi i professionisti hanno volontariamente deciso di sospendere l’erogazione delle prestazioni in libera professione ambulatoriale. Le aree in cui si registra una diminuzione delle disponibilità sono l’area cardiologica, endocrinologica, ginecologica, pediatrica, medicina interne e la diagnostica.

Anche in questo caso i cittadini sono stati avvisati e le prestazioni verrano riprenotate non appena possibile.

 

Link